24 Aprile 2020

Il Coronavirus e il tuo business

Coronavirus e business
Alla luce della pandemia mondiale da Coronavirus, le aziende devono attuare un piano per far fronte a questa emergenza. Davanti a questo cambiamento improvviso, i dirigenti e i manager delle diverse realtà aziendali sono chiamati ad individuare strategie per garantire la continuità delle attività e allo stesso tempo limitare la diffusione del virus, tutelando la salute di tutti i dipendenti.

Come fare tutto questo? Come affrontare la sfida che il Coronavirus ha lanciato?
 

Adottare tecnologie che consentano il lavoro da remoto

Indipendentemente dagli eventi mondiali, molte aziende sanno che il lavoro flessibile è vantaggioso. Infatti, secondo MindMetre Research, l’82% dei dipendenti in grado di lavorare in modo flessibile sostiene di essere più produttivo e il 58% anche più soddisfatto del proprio lavoro.
Secondo un articolo dell’analista di mercato IDC (marzo 2020), le principali difficoltà che si incontrano nel lavorare da casa sono:
  • Impossibilità nel comunicare con i propri colleghi,
  • Difficoltà nel comunicare con gli stakeholder esterni all’organizzazione,
  • Incapacità di accedere da remoto ai dati.

Adottare tecnologie che permettono il lavoro da remoto significa garantire ai dipendenti l’accesso a tutti gli strumenti con i quali solitamente si interfacciano al lavoro, ad esempio il sistema gestionale. Gli ERP più evoluti sono nativamente pronti per lo smart working perché in cloud e full web. Con una semplice connessione ad Intenet quindi si potrà avere accesso in tempo reale a contatti, documenti ed informazioni. Ad esempio il team finanziario sarà in grado di rimanere aggiornato sui pagamenti semplicemente accedendo al software.
Il coinvolgimento dei dipendenti rimane la chiave per la gestione di un’azienda. Mantenere un alto livello di engagement può essere complicato quando le persone lavorano da remoto, dal momento che si trovano a gestire non solo l’attività lavorativa ma anche quella familiare. Anche in questo caso la tecnologia può aiutare. Infatti, si possono adottare strumenti che permettano da un lato di consentire a tutti i dipendenti di poter lavorare da casa e dall’altro di facilitare le attività da svolgere, permettendo:
  • la comunicazione e collaborazione con colleghi, clienti e fornitori,
  • l’accesso alle applicazioni aziendali anche se non sono esposte su Internet,
  • l’accesso da remoto alla tua postazione desktop fissa di lavoro.
     

Rivedere l’IT

Di pari passo con l’adozione di tecnologie pronte per lo smartk working vi è la necessità di rivedere l’IT, dal momento che In questo quadro la tecnologia diventa elemento critico centrale. Tante sono le azioni da compiere e gli investimenti da fare. Ecco alcuni spunti:
  • rendere le infrastrutture più robuste e scalabili, 
  • favorire la gestione da remoto dei data center, 
  • accelerare la disponibilità di dispositivi mobili per permettere alle persone di lavorare da remoto.
     

Pianificare il dopo

In relazione alla tecnologia è importante prendere una decisione sugli investimenti da fare in termini software. Ad esempio si possono adottare strumenti per gestire le emergenze con piattaforme di crisis management o di strumenti in grado di fare previsioni precise sull’andamento aziendale e prendere quindi decisioni consapevoli. Quando l’emergenza terminerà sarà necessario ripartire velocemente e “meglio” di prima. Individuare oggi i processi poco efficienti e modi o strumenti per migliorarli può essere il fattore determinante per una ripresa vigorosa.
Una emergenza di tale portata ha completamente cambiato le priorità e le agende di tutti i CEO. 

Scarica l’Agenda 2020 dedicata ai CEO, CIO e CTO per approfondire le sfide di mercato da affrontare e le tecnologie volte a supportare l’innovazione.
 
Per associare un prodotto (lato amministrazione):
Per associare un'area (lato amministrazione):
Per associare un settore (lato amministrazione):
Verticalizzazione (lato amministrazione):
Formula Impresoft è un’azienda impresoft group